Il recupero della stima di sé: un lavoro possibile - Pensieri in movimento -- Maurizio Forzoni

Pagina facebook Maurizio Forzoni
Canale Youtube Maurizio Forzoni
Vai ai contenuti
Articoli e seminari
greggi
Il recupero della stima di sé: un lavoro possibile
di Maurizio Forzoni
              
Maurizio ForzoniOggi parliamo del soggetto che soffre di bassa stima di sé. Cercheremo di capire perché ciò accade, come mai, ad un certo momento della propria vita, un determinato soggetto non riesca più a dare il valore che merita al proprio essere, ai propri atti, azioni e capacità di andare a meta, ovvero raggiungere i propri obiettivi di soddisfazione.

La problematica, o meglio le problematiche (perché sovente sono più di una), risiedono nella storia di vita, nel percorso educativo-formativo del soggetto in questione. Un adulto o un bambino o un ragazzo che ha bassa stima di sé, è perché è stato umiliato, oppure non incentivato, non stimolato da adulti con cui è entrato in relazione nei primissimi anni della propria vita (in famiglia, a scuola o in altri ambienti sociali).

Di tali mancanze di stima, tali svalutazioni o mortificazioni precoci del proprio pensiero, il soggetto ha finito per farsene carico, per crederci, per assumerne la paternità (o, più spesso, la colpa). Ha finito con l’abdicare alla propria sovranità di pensiero e con il credere di non valere davvero molto e/o di non poter fare più niente per costruire o ricostruire una vita soddisfacente.  Anche quando gli capita di raggiungere i propri obiettivi, o di averne la possibilità, finisce per pensare di non meritarseli.

Il lavoro con il soggetto che si trova in tali situazioni - il quale (o la quale) molto spesso arriva anche con un bagaglio d’insuccessi, difficoltà o fallimenti - è quello di ricostruire e ritrovare, partendo dalla propria storia educativo-formativa, quegli obiettivi, quella strada personale, quelle vocazioni che, in un momento particolare della propria vita, ha cominciato a non seguire più. Ciò significa ritrovare quell’evento o quella serie di eventi che ne hanno “arrestato” o “deviato” la crescita, quel particolare momento in cui il suo pensiero, invece di essere onorato e appoggiato, è stato svilito e mortificato da un altro.

Arezzo, lì 02/04/2020
© (2006-2020) -Dott. Maurizio Forzoni     
Maurizio Forzoni (info@maurizioforzoni.it/347.8392440), pedagogista, mediatore familiare e orientatore esistenziale, attualmente svolge attività di pedagogista,  orientamento esistenziale e formativo nelle relazioni d'aiuto in ambito familiare, soggettivo, scolastico, all'interno del Centro Formativo, didattico-pedagogico, di orientamento e ricerca UniSocrates di Arezzo, città nella quale vive. E' iscritto al Registro Nazionale Orientatori presso l'Associazione Nazionale Orientatori – Roma, ed è formatore e supervisore autorizzato Eipass – European Informatics Passport.
info@maurizioforzoni.it
© (2006-2019) -Dott. Maurizio Forzoni

Torna ai contenuti