Difesa soggetti vittime di conflitti, abusi familiari/scolastici, bullismo - Pensieri in movimento -- Maurizio Forzoni

Pagina facebook Maurizio Forzoni
Canale Youtube Maurizio Forzoni
Vai ai contenuti
Relazioni d'aiuto
Bussola
Percorsi di orientamento e formazione individuali  a favore di soggetti vittime di conflitti, abusi familiari/scolastici e bullismo.

Il problema delle calunnie, della diffamazione, del pettegolezzo, del pregiudizio, degli atti di violenza e abuso,  non è solo di chi li diffonde o di chi li compie, ma anche di coloro che gli prestano fede o che li accettano passivamente. Anche perché ci sarebbe un metodo infallibile per smascherare i menzogneri o i persecutori: andare dall'abusato, dal diretto interessato, e ascoltare la sua versione dei fatti.  E, poi, solo successivamente, giudicare e/o tentare di mettersi civilmente d'accordo e/o prestare il dovuto soccorso. Ma ciò  non avviene allorquando l'odio, la rivendicazione, la prevaricazione, l'offesa,  la calunnia ( a cui tutti oramai credono) hanno preso il sopravvento.  Si preferisce la menzogna alla verità. Subentra addirittura un'intesa e una complicità tra il calunniatore o abusatore e chi lo ascolta (in genere gli altri membri della famiglia, o gli amici in comune che si allontanano dal/dalla malcapitato/a, o che lo prendono in giro, lo bullizzano a loro volta ), e tutto finisce per amplificarsi con il prevalere del desiderio di offesa e distruzione dell'altro, senza dargli la possibilità di difesa e di udienza. E tale prassi si verifica spesso nei "clan" familiari, nei gruppi dei pari, dove ci sono i capi tribù che padroneggiano e manipolano gli altri.

Nelle situazioni di conflitto, di manipolazione cosciente o inconscia, di ricatto, di abuso e prevaricazione fisica e/o psicologica,  sono sempre i soggetti più fragili a farne le spese: i bambini, gli anziani, gli adulti più sensibili.

Il soggetto che si trova sotto attacco di menzogne, calunnia o atti intimidatori, incontra spesso nel suo cammino solitudine, emarginazione, annichilimento,  sofferenza, abbandono.

Il bullismo non esiste solo tra i bambini, ma anche tra gli adulti. Più di quanto si voglia accettare.

E un soggetto bullizzato da bambino, ne risentirà le conseguenze -- se non ci farà i conti, se non ne parlerà --  anche nella vita da adulto: o diventando un bullo a sua volta o,  in altro modo, divenendo ad esempio un soggetto insicuro nelle relazioni, nello studio,  nel lavoro, nelle professioni, nella vita.

Occorre un lavoro di riorientamento, formazione e comprensione. Il benessere soggettivo è un diritto di ciascuno che può essere ritrovato.

Se pensi di essere vittima di calunnia, abusi, atti intimidatori e denigratori, bullismo,  tentativi di isolamento e di essere allontanato in malafede da parenti, familiari e amici, puoi contattarmi e cominciare a parlarne, per poter uscire dalla situazione di crisi (familiare, sociale e soggettiva), ritrovando la strada del benessere.

Ricevo presso il Centro Formativo, didattico-pedagogico, di orientamento e ricerca UniSocrates
Via Modigliani n. 4
52100-Arezzo (AR)
Tel: 0575.23893 / 347.8392440
e-mail: info@maurizioforzoni.it


Appuntamento sia in Studio  che in videoconferenza (skype, messenger o whatsapp)

Maurizio Forzoni
Dott. Maurizio Forzoni
Orientatore esistenziale
Educatore professionale socio-pedagogico
Consulente tecnico in sede stragiudiziale, civile e penale
AI SENSI DELLA LEGGE 14 GENNAIO 2013 N. 4 - DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROFESSIONI NON ORGANIZZATE (PUBBLICATA IN GAZZETTA UFFICIALE 26 GENNAIO 2013 N. 22)

Asnor




info@maurizioforzoni.it
© (2006-2019) -Dott. Maurizio Forzoni
Torna ai contenuti